Ai tempi del Covid-19 si sta rendendo necessario ripensare ogni consuetudine in modo che si rispetti il distanziamento sociale. Questo vale tanto per le attività produttive e lavorative quanto per quelle dedicate allo svago. È in tale ottica che anche il “Tempio della velocità”, l’Autodromo di Monza, è destinato cambiare temporaneamente destinazione d’uso diventando un cinema drive-in a cielo aperto.

Leclerc e Ferrari SF90 Stradale: riprese finite a Montecarlo

Cinema nel paddock

Se fino a qualche decennio fa andare in auto a vedere un film era considerata la normalità, al giorno d’oggi i cinema drive-in sono quasi completamente scomparsi. La necessità di mantenere il distanziamento sociale sta però riportando in auge i cinema all’aperto. Dove gli spettatori possono assistere allo spettacolo dalla propria auto senza entrare in contatto con altre persone e limitando al minimo le possibilità di contagio.Per perseguire un tale obiettivo sono però necessari spazi ampi. Come il paddock di un circuito automobilistico. È quello che ha pensato l’assessore alla cultura della città di Monza, Massimiliano Longo, da cui arriva la proposta di installare un cinema drive in nel paddock dell’Autodromo. “Con l’emergenza – ha spiegato l’assessore - e tutte le manifestazioni culturali soppresse dal carnevale al Summer Monza, c’era bisogno di inventarsi qualcosa di nuovo per aiutare le persone bloccate in casa dal lungo lockdown a riprendere una vita sociale, ma in sicurezza”.

In Danimarca nasce la chiesa drive-in

Fondi alle imprese in difficoltà

L’idea ha già raccolto l’apprezzamento di molte aziende, disposte a sponsorizzare l’attività permettendo di devolvere il prezzo del biglietto per altre iniziative. I guadagni verranno infatti spartiti a metà tra le casse dell’Autodromo brianzolo e quelle di un fondo per il sostegno delle imprese in difficoltà a causa della pandemia. Già annunciata la partecipazione di due sponsor principali, Porsche e Myspritz, che si accolleranno le spese relative al noleggio dello schermo e delle altre attrezzature.

L’area in questione è quella collocata dietro ai box del circuito, e che si sviluppa parallelamente al rettilineo di partenza. Uno spazio abbastanza ampio da ospitare l’iniziativa, in un periodo in cui le attività in pista sono ridotte al minimo e le gare sono sospese. “Al momento pensiamo ad una programmazione dal giovedì alla domenica, ma se riusciremo ad avere altri sponsor potremmo ampliare l’offerta”, ha detto Longo. Favorevole all’iniziativa anche Pietro Benvenuti, direttore del circuito. Gli introiti aiuteranno l’autodromo a sostenere le spese di manutenzione e aggiornamento dell’impianto. Anche in vista del GP d'Italia di Formula 1, confermato per settembre.

Auto nuove, i prezzi rallentano ancora