Tempo di bilanci e previsioni per il mondo dell’automobile, anche per quanto riguarda il settore green: già da un po’ di anni i motori elettrici hanno iniziato un processo di diffusione globale e guadagnano terreno rispetto ai sistemi termici, che restano tuttavia la grande maggioranza. Questo status è determinato da una doppia natura di causa ed effetto dei prezzi delle auto tradizionali: essendo in numero maggiore, sono più economiche delle elettriche, così come essendo più economiche, sono vendute in molte più unità. Il vento sta però cambiando, e uno studio di Bloomberg ha stimato che entro qualche anno i due mondi dell’automobile si livelleranno.

BATTERIE A -89%

A tenere alto il prezzo dell’elettrico è soprattutto il costo delle batterie. Bene, dieci anni fa una batteria costava circa 1.100 dollari a chilowattora, circa 900 euro. Nel 2020, il costo è sceso a 111 euro, con una perdita di valore del -89%. Secondo Bloomberg, nei prossimi quattro anni (biennio 2023-24) la cifra scenderà ancora e i costruttori riusciranno a vendere le auto elettriche allo stesso prezzo delle auto termiche.

INCENTIVI E BONUS

Ad oggi, quello che sostiene maggiormente il mercato dell’auto ecosostenibile sono gli incentivi, gli ecobonus e le iniziative dei governi in questa direzione. Si punta soprattutto sul fatto che, sul lungo periodo, con l’auto elettrica si risparmia fortemente rispetto ai vecchi motori a benzina. Fino ad oggi, però, i prezzi esosi hanno frenato gli entusiasmi per gli automobilisti, che potrebbero cambiare idea nel giro di quattro anni quando la scelta non dipenderà più dall’economicità dei veicoli.

Ferrari Purosangue, dopo il SUV l'elettrico?