Mentre la campagna vaccinale procede senza intoppi, il Governo annuncia una serie di nuove restrizioni per evitare che, in questa delicata fase, i contagi possano aumentare. Il timore è infatti quello che si possa andare incontro a una terza ondata, già iniziata in alcuni Paesi europei. Per scongiurare questo scenario, verranno introdotti nuovi inasprimenti che renderanno ancora più severe le norme anti Covid, confermando quelle già in vigore. Tra le più rilevanti, il divieto di spostamento tra regioni anche in fascia gialla.

Multe auto, dal 1° gennaio 2021 saranno meno care

Confermate le fasce regionali

Dopo il periodo delle Feste natalizie, gli indici di contagio sono tornati a salire, spingendo il Governo e il Ministero della Salute a rafforzare le norme anti Covid. Tra le novità c'è lo stop all'asporto da bar e ristoranti dopo le 18 (per evitare assembramenti in strada e nelle piazze) e il divieto di spostarsi tra regioni, indipendentemente dal loro “colore”. Uniche eccezioni, come di consueto, i viaggi giustificati da motivi di lavoro, salute e necessità.

Confermato il sistema delle chiusure regionali, con territori rossi, arancioni e gialli a secondo degli indici di contagio. Dopo le Feste, in cui l'intero Paese era stato incluso nelle fasce più a rischio, sono solo cinque le regioni arancioni: Lombardia, Emilia Romagna, Calabria, Veneto e Sicilia. Ma a breve il sistema di valutazione degli indici diventerà più severo, che faciliterà l'ingresso di un territorio in zona arancione o rossa, abbassando i parametri. Al momento il passaggio da zona gialla ad arancione scatta con l'Rt a 1; quello a zona rossa quando il valore sale a 1,25. Limiti destinati ad abbassarsi, assieme a quelli degli oltre 20 parametri tenuti in considerazione dal Governo.

Incentivi e promozioni a gennaio: tutti gli sconti sotto i 40.000 euro marchio per marchio

Ok le visite, ma solo in 2

Confermata la possibilità di effettuare visite a parenti e amici, purché con un massimo di due persone, a cui si possono aggiungere individui non autosufficienti o minori di 14 anni. Restano chiuse piscine e palestre, mentre una parziale riapertura potrebbero viverla i musei. Viene dal ministro Franceschini infatti la proposta, simbolica, di consentire ingressi contingentati alle strutture museali.

Pneumatici invernali, i consigli per cura e manutenzione

Arriva la zona bianca

È infine prevista la possibilità di istituire una “zona bianca”, caratterizzata da un netto allentamento di tutte le norme anti contagio e l'apertura di tutte le attività. Per raggiungere questo obiettivo però la regione dovrà vantare un indice Rt molto basso, inferiore a 0,50. Insieme ad altri parametri che confermino il basso livello di rischio. Al momento, nessuna regione è vicina a questi numeri.

Manutenzione auto, il Covid non abbatte gli italiani