Il Salone di Ginevra si fa sempre più vicino e, con esso, il debutto della nuova Fiat 500 elettrica. Il progetto ha condotto la prima fase dello sviluppo su strada con l’attuale generazione, non senza componenti provvisorie all’interno, tra strumentazione e selettori di derivazione RAM.

Gli ultimi aggiornamenti sull’elettrica (in foto, 500 mild-hybrid 2020) dicono qualcosa di nuovo, raccontano quel che appare come l’adozione della scocca definitiva, chiaramente dalle dimensioni più generose in larghezza e nel passo, in quelli che appaiono essere solo alcuni dei particolari di discontinuità rispetto alla 500 su strada.

Design di Fiat 500 e

Due muletti di Fiat 500e, berlina e cabrio, rivelano le immediato modifiche di stile. Anzitutto il cofano anteriore, con un taglio che non gira più intorno alla sagoma dei fari tondeggianti ma adotta un taglio lineare. In realtà, una scelta che potrebbe ancora coesistere con i fari tondeggianti, in una proposta sdoppiata e un semi-anello a led trasferito sul cofano. Sembrerebbe essere uno degli elementi di maggior interesse, osservando i muletti.

Il posizionamento degli specchietti, poi, è sul triangolo dietro il montante anteriore e non più sulla portiera, quest’ultima caratterizzata da un diverso giroporta nella parte inferiore posteriore, meno arrotondata la battuta sul montante B, con un possibile vantaggio diretto sull’accessibilità posteriore.

Adas di Fiat 500 e, c'è la camera frontale

Anche i gruppi ottici posteriori sono oggetto di una rivisitazione, con il design classico del restyling di 500 modificato nella porzione centrale, dotata da un elemento a led orizzontale per le frecce. Altra importante novità, relativa agli Adas, la presenza di una telecamera frontale sul parabrezza.

Infine, dovessero essere confermate le innovazioni estetiche della Fiat 500 elettrica, il logo 500 potrebbe assumere una presenza di primissimo piano sul frontale.

Pandina Jones, Garage Italia all'avventura vintage ed elettrica