Guidare elettrificato: FCA, low emission step by step

Guidare elettrificato: FCA, low emission step by step

Il Gruppo FCA ha sposati un'ingegnerizzazione specifica per ogni modello, offrendo diverse possibilità di elettrificazione: si parte dal mild-hybrid per poi passare al plug-in hybrid e arrivare all'elettrico puro. Fiat, Lancia e Jeep sono i brand protagonisti del rinnovamento

di Cesare Cappa

3 dicembre 2020

L'elettrificazione non ha mai abbandonato il Gruppo FCA. Oggi le tecnologie si sono evolute e l’offerta si declina formalmente in tre diverse possibilità: mildm hybrid, ibrido plug-in ed elettrico. Ciascuna veicolata in funzione del modello di riferimento, pronte a soddisfare le richieste e le esigenze del mercato. Si parte ovviamente da una scelta più soft, ma non per questo meno rilevante rispetto alle altre, in cui l’elettrificazione è soltanto al primo step di quelli a disposizione.

Guidare elettrificato: la sostenibilità di FCA

Guidare elettrificato: la sostenibilità di FCA

L'elettrificazione non ha mai abbandonato il Gruppo FCA. Molti si ricorderanno della Panda Elettra degli anni ‘90, che poi ha dato seguito alle successive varianti su base Cinquecento e Seicento, sempre fedeli alla denominazione Elettra. Vetture che in qualche modo hanno precorso i tempi moderni. Oggi le tecnologie si sono evolute e l’offerta si declina formalmente in tre diverse possibilità: mildm hybrid, ibrido plug-in ed elettrico.

Guarda la gallery

Fiat 500e, l'obiettivo: la "Missione elettrica" di François

Le prime punte FCA

A portare al debutto tale schema ingegneristico sono state Fiat 500, 500C, Panda e Lancia Y, “temprate” dalla denominazione Hybrid. Molti i protagonisti di questa evoluzione sostenibile, a cominciare dal motore a benzina da un litro di cilindrata Il Gruppo ha però allargato i propri orizzonti sostenibili anche ad altre tipologie di elettrificazione. Certamente più consistente rispetto alla precedente è il genere ibrido plug-in. Una scelta che ha per protagonista il Marchio Jeep e due giocatrici di punta: Renegade e Compass 4xe, ovvero le più ambite secondo il nostro mercato, prodotte in Italia presso gli stabilimenti di Melfi. Entrambe condividono la meccanica elettrificata, che si scinde sostanzialmente in due parti tra termica ed elettrica.

Guidare elettrificato: il 4X4 della Jeep Renegade 1.3 T4 PHEV

Guidare elettrificato: il 4X4 della Jeep Renegade 1.3 T4 PHEV

L'elettrificazione cambia anche i miti che sembrano immutabili. Jeep è sulla breccia da quasi 80 anni e con le batterie, compie un netto passo evolutivo, sfruttando le caratteristiche della trazione elettrica. Il marchio, simbolo del 4X4, usa il motore termico per muovere l'asse anteriore e quello elettrico plug-in per agire sul posteriore. Ecco come le due anime convivono per mettere in moto una trazione integrale "classica", ma green.

Guarda il video

Il futuro guardando il passato

A chiudere il ventaglio delle tecniche elettrificate made in FCA non poteva mancare che l’elettrico. Un debutto nell’era moderna, un ritorno se si guarda al passato, che sceglie il formato della tradizione con un contenuto ampiamente innovativo. Stiamo parlando della nuova 500, la prima elettrica di grande serie del Gruppo. E non poteva essere scelta più azzeccata non solo per le finalità intrinseche del modello, appropriato al tessuto urbano, ma perché rappresenta la volontà di motorizzare il Paese nel modo 2.0: quello elettrico. 

Il resto del servizio lo potete leggere sullo speciale in edicola, oppure nella sua versione digitale cliccando qui.

  • Link copiato

Commenti

Leggi auto.it su tutti i tuoi dispositivi