Svezia e Norvegia per cominciare. Saranno i primi due mercati sui quali saranno disponibili due novità sul fronte dei sistemi di assistenza alla guida e debutteranno su Volvo S90, V90 e XC90. Sistemi ovviamente connessi, che sfruttano la condivisione dei dati gestita via cloud per trasformare il viaggio in un tragitto con i minori imprevisti possibili. La gamma delle Volvo della "serie" 90 si aggiorna non solo con l'Hazard Light Alert e lo Slippery Road Alert, ma propone anche l'integrazione di Android Auto sul versante dell'infotainment, affiancando Apple CarPlay.

Sistemi che potranno contare sugli aggiornamenti delle mappe over-the-air. Ma non è il cuore degli interventi apportati alla berlina, station wagon e al suv di alta gamma, sviluppati sulla piattaforma SPA, destinata a ricevere ulteriori integrazioni di sistemi di sicurezza, vista la scalabilità che contraddistingue il progetto (peraltro destinato a "ospitare" anche la futura generazione di Volvo S60). 

Come funzionano l'avviso di strada scivolosa e dell'attivazione delle frecce d'emergenza da parte di un altro veicolo? I sistemi operano nel raggio di alcuni chilometri e dal veicolo vengono trasmessi al cloud dati rilevanti, che nel caso dell'Hazard Light Alert riguardano l'attivazione delle quattro frecce d'emegenza da parte del guidatore. Comunicata la posizione del veicolo e lo stato attivo delle frecce d'emergenza, le Volvo che sopraggiungeranno saranno avvisate per tempo del potenziale rischio che li attende, così da informare il guidatore.

Forse più rilevante è lo Slippery Road Alert, che sul cloud trasmette le informazioni legate ai livelli di aderenza del fondo. Immaginiamo che un'auto abbia già percorso la strada che ci accingiamo ad affrontare e abbia rilevato un tratto scivoloso. I sensori utilizzati per il funzionamento del controllo di trazione e l'Esp forniranno i dati utili perché le auto in arrivo li interpretino e avvisino il guidatore con un'indicazione sulla strumentazione. 

Volvo V90 guida da sola, la prova

Se i dispositivi in questione arriveranno per primi in Svezia e Norvegia, con un'espansione programmata su altri mercati, la disponibilità del motore turbodiesel D3 150 cavalli 2 litri sarà diffusa e dopo S90 e V90 arriva anche su XC90. Nuova trasmissione 6 marce manuale e 6 marce automatica in abbinamento, che promette di ridurre i consumi a 4.3 litri/100 km (sfoglia il listino Volvo); le versioni D3 saranno proposte sia con trazione anteriore che integrale.

Volvo sperimenta il servizio "Concierge"

S90 Excellente, comfort formato XL