Il futuro recente dell’automotive sta viaggiando verso direzioni incrociate, che stanno delineando uno scenario particolare per gli automobilisti. Da un lato i costruttori sono sempre più attenti all’elettrico e alla possibilità di avere un minore impatto ambientale, dall’altro c’è sempre una maggiore tendenza nell’immatricolare le auto con noleggio a lungo termine.

Startup svizzera

All’interno di questo contesto si è fatta strada in Italia Juicar: la startup svizzera di e-mobility di Alpiq, una delle principali società di servizi energetici in Europa. L’obiettivo del progetto - già attivo in Svizzera, Germania e Liechtenstein - è quello di promuovere e sostenere l’impiego di vetture a zero impatto ambientale attraverso abbonamenti dalla durata flessibile comprensivi di noleggio, assicurazione, manutenzione e riparazioni, e che offre la possibilità di cancellazione dal servizio senza nessun costo aggiuntivo. Tutto questo, aggirando i costi d’acquisto e senza avere vincoli di durata: “Pensiamo che tutti dovrebbero poter avere un'auto elettrica e una stazione di ricarica personale davanti alla porta di casa - affermano da Juicar - senza stress né rischi finanziari”.

FCA, Gorlier: "Incentivi per sostenere l'auto elettrica"

Modelli disponibili

Juicar mette a disposizione degli automobilisti interessati al pacchetto, per il momento, tre modelli di auto disponibili: BMWi3, Nissan Leaf II e Smart ForTwo. Tutte divise da altrettante tipologie di noleggio, con variazioni sul prezzo a seconda del tipo di uso: si parte dalla formula per guidatore “occasionale”, si prosegue con quella per guidatore “normale” e si conclude con l’opzione per chi in auto percorre maggiori distanze attraverso la formula guidatore “assiduo”. L’abbonamento che prevede la “miglior tariffa” a seconda delle esigenze sarà disponibile nel nostro paese fin da subito.

“L’arrivo in Italia di Juicar - spiega Bastian Gerhard, Managing Director di Oyster Lab by Alpiq - è stato incoraggiato dal crescente interesse degli italiani per il noleggio auto privato e per una mobilità sostenibile in grado di sostituire in maniera pratica ed efficiente quella tradizionale”.

Auto elettriche, rischio 30% in meno di posti di lavoro