È la berlina di produzione più veloce al mondo, con i suoi 333 km/h, ha un prezzo da capogiro. Nonostante tutto ciò Bentley ha deciso di rendere ancora più esclusiva e unica la sua ammiraglia Flying Spur. Che ora è disponibile con un inedito pacchetto di elementi in fibra di carbonio, perfettamente fuso con la linea originaria dell’auto.

Bentley Bentayga Speed restyling, SUV di lusso per super prestazioni

Pacchetto unico

Minigonne, diffusore, splitter per il paraurti anteriore e spoiler posteriore. Sono questi gli elementi che Bentley offre in fibra di carbonio nel nuovo pacchetto dedicato alla Flying Spur. Pezzi realizzati con la massima attenzione per garantire resistenza, leggerezza e uniformità con il design della vettura. Gli elementi infatti sono realizzati in più strati e il carbonio è stato intrecciato tutto nello stesso verso, tenendo fede alla maniacale attenzione per i dettagli che distingue Bentley. I loghi alati della Casa compaiono poi anche sulle minigonne.

Bentley ha pensato le nuove componenti in modo che possano essere installate anche su vetture già circolanti. Oltre ai nuovi proprietari, che potranno selezionare il pacchetto al momento dell’acquisto, i pezzi in carbonio potranno essere montati anche sulle auto prodotte in precedenza. Le componenti in carbonio sono tutte realizzate a mano.

Bentley Continental Pikes Peak by Mulliner, il battesimo della coupè da record

Massima tecnologia

Dotata di un poderoso W12 da 6 litri e 635 cavalli, la Bentley Flying Spur non è solo veloce e lussuosa. L’ammiraglia inglese può infatti contare su una serie di soluzioni tecnologiche che la rendono all’avanguardia, come il Bentley Dynamic Ride. Tale sistema sposta la coppia motrice all’assale anteriore a seconda della necessità, garantendo un alto livello di guidabilità per un’auto che comunque pesa oltre 2,4 tonnellate e misura 5,31 metri di lunghezza.

La maneggevolezza poi è garantita dal sistema a quattro ruote sterzanti che gestisce automaticamente quelle posteriori. Le ruote dietro girano in senso opposto a quelle anteriori nelle manovre a bassa velocità, per facilitare ad esempio il parcheggio, mentre nelle curve veloci seguono la stessa direzione di quelle davanti per migliorare la stabilità. Il risultato è che, nonostante le grandi dimensioni, la Flying Spur vanta un raggio di sterzata quasi paragonabile a quello della più compatta Continental GT.

Bentley Flying Spur: gli interni si arricchiscono con i pannelli di legno 3D