Il lockdown dovuto all’emergenza Covid-19 ha stravolto il mercato auto italiano. Il mese di aprile ha visto letteralmente colare a picco le immatricolazioni di vetture nuove, toccando livelli mai raggiunti negli ultimi decenni. Sono infatti state solo 4.279 (di cui 768 elettriche) le auto immatricolate nello scorso mese, con un tracollo del 97,5% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente.

Cerchi un'auto usata? Sfoglia le nostre offerte!

Una classifica stravolta

Con numeri così ridotti è facile incontrare sorprese nella classifica che normalmente vede al vertice modelli dei segmenti A e B, rigorosamente con motore termico. Aprile ha visto parzialmente stravolgersi la top 10 delle auto con più immatricolazione nel nostro Paese, come confermano i dati Unrae.

Se in cima alla classifica resiste ancora la Fiat Panda (sebbene con appena 470 unità rispetto alle 30mila totalizzate da gennaio a marzo) le posizioni che seguono svelano alcune sorprese. Come la Renault Zoe, che con 366 unità immatricolate ad aprile si piazza al secondo posto e diventa la prima auto al 100% elettrica a conquistare la top 3 italiana. Sul gradino più basso del podio troviamo poi una vettura di segmento più elevato come la Jeep Compass (terza con 214 esemplari) seguita dalla sorellina Renegade e dalla Fiat 500X.

La Top 10 delle auto immatricolate nel mese di aprile:

Fiat Panda: 471 unità
Renault Zoe: 366
Jeep Compass: 214
Jeep Renegade: 176
Fiat 500X: 162
Opel Corsa: 139
Peugeot 208: 130
Citroen C3: 121
Fiat Tipo: 120
Peugeot 3008: 117

Fiat, con quasi 1.000 immatricolazioni, si è confermata regina del mercato interno, seguita da Peugeot e Jeep. Superiore al 90% il calo per tutti i grandi marchi. Regge bene solo Tesla, che perde solo il 50% delle immatricolazioni rispetto allo stesso mese del 2019. Zero le vetture immatricolate ad aprile per Maserati, Ferrari, Aston Martin e Infiniti.

Speranze per la ripartenza

Archiviato questo mese da dimenticare, si prova a ripartire tra precauzioni e prudenza. Gli impianti industriali si sono rimessi in moto, e dal 4 maggio anche le concessionarie sono riaperte. Molte le Case che puntano a ripartire offrendo incentivi e promozioni, in attesa di aiuti anche da parte dello Stato.

Toyota, sostegno a concessionarie e comunità per superare l'emergenza