BMW 330d xDrive Touring vs Audi A4 Avant 40 TDI quattro, il ritorno delle wagon

BMW 330d xDrive Touring vs Audi A4 Avant 40 TDI quattro, il ritorno delle wagon

Ridimensionate dai Suv, le station wagon non sono però mai morte e dimostrano ancora una volta tutta la propria versatilità. in questo confronto abbiamo messo di fronte le due leader di categoria: la rinnovata Audi A4 avant contro la nuova generazione di BMW Serie 3 Touring

di Cesare Cappa, foto Fuggiano

25 settembre 2020

Prestazioni

Se ci si fermasse a leggere il quadro prestazionale, allora la vincitrice del confronto avrebbe un nome e un cognome. E una provenienza: Monaco di Baviera. Più cilindri, più coppia e più cavalli sono più che sufficienti per surclassare l’Audi nelle voci che rimandano ad una sorta di virtù sportiva. Ma come abbiamo specificato in apertura, questo non è un confronto a pari motorizzazione: quel che vogliamo valutare invece è il comportamento delle due tedesche, il feeling di guida che trasmettono, la confidenza nella guida sotto forma di reattività all’input dello sterzo e soprattutto le sensazioni di vita a bordo. Inoltre in certi casi meno cilindri, meno coppia e meno cavalli diventano un vantaggio tangibile nel quotidiano, tanto che consentono alla Audi A4 Avant il sorpasso alle voci consumi e frenata, merito di un peso inferiore di oltre 200 kg.

Le tabelle parlano chiaro, ma non sono i numeri la risultanza di tale confronto. Perciò confrontiamoci sull’aspetto più interessante e potenzialmente divertente di un’auto: la guida su strada. Quattro anelli versus Elica. Due vetture che hanno un’impostazione differente, anche (in parte) sul piano tecnico. Da un lato la granitica mobilità dello sterzo BMW. Che in questa edizione di Serie 3 risulta certamente più ammorbidito, per quanto l’allestimento M Sport porti in dote una variante con una taratura più sportiva. Ma nella realtà dei fatti non dimostra tutto quel mordente che ci si attenderebbe: la percezione è che sia più duro che preciso, alimentando forse il quadro sportivo rispetto a quello dinamico.

Di tutt’altra formazione il comando fornito dall’Audi A4 Avant: leggero, più diretto e performante del componente BMW. La connessione con l’auto è più immediata, nonostante il sistema integrale quattro privilegi come da copione l’asse anteriore. Alla lunga è meno impegnativo e più efficace. Quello BMW vi concede qualcosa di più sulla percezione del limite, ma solo per via della durezza.

Strategie differenti pure alla voce assetto. La bavarese, nonostante l’optional delle sospensioni a controllo elettronico (620 euro) si rivela dura in ogni modalità di guida. Un limite alla voce comfort, che si traduce in un vantaggio sul veloce, soprattutto se poco sconnesso. C’è poi il sistema di trazione xDrive che sfrutta al meglio l’asse posteriore, garantendo un spinta dal retrotreno che di fatto rende la Serie 3 Touring simile a una vera auto sportiva. Se avete la malizia e lo “spazio”, è forse l’unica wagon a gasolio con cui si riesce a mettersi di traverso. Ma è soltanto un appunto di viaggio, perchè di base restano due vetture destinate all’uso quotidiano.

Infatti l’impostazione di Audi privilegia il comfort di marcia; nonostante la versione S Line abbia in dote un assetto sportivo, la taratura tende a copiare il manto stradale e non risulta mai “saltellante”, ma neppure troppo morbida. Il giusto compromesso per un passaggio tra le curve e le necessità di un lungo viaggio autostradale. In questo caso la trazione integrale quattro non offre lo stesso divertimento del modello xDrive perchè rende l’auto sostanzialmente neutra, ma non per questo meno veloce. Una vettura certamente più semplice da gestire al limite. Quale scegliere? Al dilemma risulta più facile rispondere con un’ulteriore domanda: quale vi piace di più?

  • Link copiato

BMW 330d xDrive Touring vs Audi A4 Avant 40 TDI quattro, il ritorno delle wagon

Torna su

Commenti

Leggi auto.it su tutti i tuoi dispositivi