Le vendite di auto elettriche registrano aumenti esponenziali, e il fabbisogno di punti per la ricarica cresce di conseguenza. Nei prossimi anni si renderanno necessari un grande numero di colonnine per i rifornimenti veloci, specie nelle aree di grande transito. Un obiettivo che per essere raggiunto necessita della partecipazione non solo delle aziende specializzate, ma anche di quelle che operano nel campo dei combustibili tradizionali. Per questo è nata la partnership tra Enel X, divisione dedicata alla mobilità a zero emissioni dell'ente nazionale per l'energia elettrica, e IP, catena di distributori di carburante del gruppo API con oltre 5mila impianti sul territorio italiano. La collaborazione ha portato all'inaugurazione di tre stazioni di ricarica ad alta potenza, e altre quattro verranno messe in funzione entro la fine dell'anno.

Tesla, l'auto da 25.000 dollari potrebbe arrivare prima del previsto

Ricarica superveloce

Il 2020 è stato un anno di grande crescita per le vendite di vetture elettriche, con numeri triplicati rispetto al 2019, e un fortissimo incremento anche delle ibride plug-in. Dati confortanti per chi punta alla mobilità green, ma che pone il problema della ricarica. L'Italia è infatti ancora a corto di colonnine, specie quelle ad alta potenza che garantiscono rifornimenti in tempi brevi o brevissimi. Proprio su questo aspetto si è concentrata la partnership tra Enel X, uno tra i leader in Italia delle infrastrutture per le ricariche elettriche, e la catena di impianti di carburante IP.

Parte del piano europeo “E-BIA FLEX-E”, gli impianti messi in opera da Enel X sono finora tre, presso altrettante stazioni di servizio della catena IP a Peschiera del Garda, in provincia di Verona, Zanica, in provincia di Bergamo e Biandrate, nel novarese. Ciascun impianto include quattro punti di ricarica, che possono garantire la ricarica fino a 350 kW. Rendendo di fatto possibile il rifornimento di qualsiasi veicolo elettrico o plug-in veloce, nell'ordine di 15 minuti. Ma questo non è che l'inizio: entro la fine del 2021 verranno infatti inaugurate altre quattro stazioni in impianti IP.

Mobilize EZ-1, Renault punta sulla mobilità sostenibile e condivisa

Avvicinare le'elttrico all'utente

La collaborazione con IP – ha spiegato Francesco Venturini, ceo di Enel X - è un’ulteriore dimostrazione dell’impegno di Enel X nel promuovere la diffusione della mobilità elettrica in tutto il Paese e la realizzazione di una rete di stazioni ultrafast che permette tempi di ricarica ancora più rapidi, è fondamentale per favorire gli spostamenti a lunga distanza in auto, compresi i viaggi internazionali. Quello di oggi è un primo passo importante nel percorso che da qui in avanti ci porterà a installare il maggior numero possibile di punti HPC lungo tutto lo stivale”.

“Con l’attivazione di punti di ricarica ultrafast lungo i corridoi stradali extraurbani facciamo due cose importanti - ha aggiunto Ugo Brachetti Peretti, presidente di IP - Primo, riducendo i tempi di ricarica, avviciniamo l’esperienza di acquisto del cliente con auto elettrica a quello tradizionale. Secondo, ampliamo l’offerta della rete dei distributori, che è un’infrastruttura strategica su cui costruire la transizione verso la sostenibilità. In linea con la missione di far muovere gli italiani, il distributore IP diventa sempre più un Hub multienergia, per consentire ai clienti l’accesso a tutte le forme di energia per la mobilità”.

Ioniq 5 debutta a febbraio, a bordo l'energia V2L