Pannelli solari, rete di ricarica per vetture elettriche e linee di montaggio aggiornate per ospitare i nuovi modelli Fiat e Maserati: sono queste le principali novità che vedranno protagonista l'impianto FCA di Mirafiori. Investimento complessivo, due dei cinque miliardi di euro previsti dal Piano per l'Italia varato nel 2018 e confermato dopo l'annuncio della fusione con PSA. Gli obiettivi: ridurre l'impatto ambientale e raggiungere la piena occupazione entro il 2022.

Elettrificazione e ambiente

La maggior parte degli sforzi di Fiat Chrysler sul polo torinese verranno effettuati per modernizzare le strutture e renderle più ecosostenibili. Anche in vista della produzione dei modelli elettrici, già iniziata con gli esemplari preserie della 500 BEV. In particolare il piano prevede l'installazione di 150.000 metri quadrati di pannelli solari (120.000 sopra agli impianti produttivi, i restanti sui parcheggi) e 850 colonnine di ricarica per veicoli elettrici. Di queste, 750 saranno destinate ai parcheggi dei dipendenti.

L'obiettivo è quello di ridurre l'impatto ambientale dell'impianto di 5.000 tonnellate di CO2 all'anno, grazie al 15 MW di corrente che saranno prodotti dai pannelli solari. L'energia ricavata verrà utilizzata per gli impianti di ricarica dei modelli elettrici, in modo da rendere Mirafiori in parte indipendente dal punto di vista energetico. In questo senso verrà in aiuto anche il sistema V2G (Vehicle-to-grid) sviluppato da FCA con Terna per Mirafiori. Questa struttura permetterà di collegare in maniera bidirezionale fino a 700 vetture elettriche, utilizzandole per bilanciare l'energia in rete.

Nuovi modelli 

I piani di ammodernamento e di ecosostenibilità si affiancano alle importanti novità previste sulle linee del prodotto. È infatti imminente l'entrata in produzione della 500 BEV (prevista per giugno), della Maserati Ghibli ibrida e dei restyling di Quattroporte e Levante. Investimenti corposi riguarderanno anche le linee per le future GranTurismo e GranCabrio, mentre verrà ampliato l'impianto di produzione delle trasmissioni e inaugurata una sezione dedicata alle batterie dei modelli del Tridente (a partire dalla nuova supercar).

Un piano ricco di novità, che prevede anche l'assunzione di un centinaio di persone per ricoprire ruoli specializzati. “I nuovi progetti nell’area della sostenibilità che sono stati annunciati oggi e i traguardi operativi fino ad ora raggiunti – ha spiegato il responsabile di FCA per l'area EMEA Pietro Gorliersono la dimostrazione che FCA continua a rafforzare le proprie fondamenta grazie al contributo delle persone che ci lavorano e alle sue eccellenze. Attraverso il lancio dei nuovi prodotti e a questi innovativi progetti per l’elettrificazione, il 2020 sarà un anno estremamente importante per il futuro del Gruppo”.

Fiat, dal 2022 spazio a due modelli nel segmento B